Maggiolata

Maggio risveglia i nidi,
maggio risveglia i cuori;
porta le ortiche e i fiori
i serpi e l’usignolo.

Schiamazzano i fanciulli
in terra, e in ciel gli augelli;
le donne han nei capelli
rose, negli occhi il sol.

Tra colli, prati e monti
di fior tutto è una trama;
canta, germoglia ed ama
l’acqua, la terra e il ciel.

Giosuè Carducci

dedicato al mese delle rose……

prato di Aprile

C’era un prato: con folte erbe, frammiste
a bianchi fiori, e gialli, e violetti;
e fra esse un brusio di mille piccole
vite felici; e se sull’erbe e i fiori
spirava il vento, con piegar di steli
tutto il prato nel sol trascolorava.
 
E volavan farfalle, uguali a petali
sciolti dai gambi; e si perdean rapidi
i miei pensieri in quell’aerea danza
ove l’ala era il fiore e il fiore l’ala.
 
Ada Negri
 

arriva il vento

Arriva il vento. Che pazzerello!
Vedi? sgarbato, come un monello.
Strappa il giornale che tieni in mano;
manda i capelli lontan lontano.
Tu devi correre fino laggiu,
ma il tuo cappello corre di più.
Intanto il vento, con mano lesta,
fa il parrucchiere sulla tua testa;
e se, per caso, apri l’ombrello,
ti spazza via, presto anche quello.
Ma che vuoi farci? Non t’arrabbiare:
è un biricchino e vuol giocare!

Gianni Rodari