1° giorno di lockdown

primo giorno di lockdown in Campania, ecco come appariva Piazza del Plebiscito nella mia Napoli.

Finalmente la gente si è diradata dalle strade ma  si è dovuto ricorrere a maniere forti per farglielo entrare in testa….

ieri si sono affollati ancora una volta per le strade e nei ristoranti quasi come stessero festeggiando il Capodanno….non hanno capito che la salute e la vita valgono molto di più!!

Autore: novecentomilaepiu

amo la Poesia, la Musica e la Fotografia. Mi batto contro le prevaricazioni e le ingiustizie sociali, faccio di tutto per dar voce a chi non ha voce.

17 pensieri riguardo “1° giorno di lockdown”

  1. Tutto il mondo è paese: di gente che non rispetta le regole se ne vedono un po’ in tutta Italia (persino qua in Lombardia che dall’inizio è stata dichiarata zona rossa): questo non rispettare le regole finisce con il mettere a rischio sia la salute di questi bastian contrari che quella delle altre persone. Quindi ben vengano le maniere “forti” se non si rispettano le regole.

    Piace a 1 persona

    1. si, io sono indignato per tutti quegli incoscienti (per usare un eufemismo) che nei giorni scorsi hanno invaso il lungomare Caracciolo come se stessero andando a fare la gita di Pasquetta, incuranti delle distanze di sicurezza…creando dei veri e propri assembramenti o come altri che nella zona di via Scarlatti (zona collinare di Napoli) hanno preso d’assalto la strada e i bar per uno stupido aperitivo e uno “struscio” ingiustificabile….

      Piace a 1 persona

      1. A queste persone che si possono trovare in tutta Italia “incoscienti” perché, invece, sono molto coscienti di quello stanno facendo ma se ne fregano, bisognerebbe mettergli sul petto un cartello con su scritto “Asino”, e sono ancora buona nei termini perché avrei usato dei termini molto più forti e, visto che si divertono così tanto ad andare in giro contravvenendo le regole, fargli fare una bella figura di… chissà che la prossima volta non usino più buon senso, 🤔.

        Piace a 1 persona

    1. eh si, siamo entrambi zona rossa…
      I negazionisti li porterei nelle terapie intensive dove la gente combatte tra la vita e la morte. Speriamo di superare questo periodo così delicato perchè comunque dovremo convivere col covid fino all’arrivo del vaccino.
      Ciao Kiara, un abbraccio (con la mascherina)!

      P.S.
      a proposito dei negazionisti:
      – un Primario anestesista di Rivoli (TO) ha già lanciato una sfida per un “tour” nella terapia int. del suo Ospedale.
      – a Napoli nell’Ospedale Cotugno ci sono medici che sulla tuta bianca hanno la scritta “negazionisti vaff.” 🙂

      "Mi piace"

  2. Bonjour Antonio, je suis bien sûr de ton avis. C’est incroyable que les gens de comprennent pas qu’il faut rester très prudents. Chez nous aussi en Suisse, c’est pareil. Je ne sors que pour les courses avec le masque en évitant les endroits d’affluences.
    Bonne journée, mes amitiés

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...